Nvidia Tesla: La GPU per la Virtualizzazione

10 novembre 2017

Eleganza e prestazioni elevate: la serie Nvidia Tesla

BeanTech presenta la recensione delle Schede Grafiche Nvidia Tesla, una serie di GPU dedicate a quelle aziende che vogliono affrontare il tema della virtualizzazione. Nvidia Tesla presenta un design elegante, con colorazioni tipiche dei prodotti firmati Nvidia e dai materiali premium, che assicurano un’elevata resistenza nel tempo.

Oggi, i modelli di punta della serie Nvidia Tesla sono la GPU p100 e la p40, entrambe dedicate alla virtualizzazione delle workstation grafiche.

Nvidia Tesla M60 – Galleria immagini

Siamo parlando di GPU lato server, per cui ovviamente non possiedono uscite video tradizionali come HDMI e VGA, e vengono collegatate alla scheda madre del server tramite l’interfaccia PCI Express che assicura altissime prestazioni nella gestione del carico grafico.

Il ruolo della GPU Nvidia Tesla in ambiente virtualizzato

A differenza delle workstation fisiche, la virtualizzazione delle workstation grafiche conduce a 3 importanti vantaggi:

  1. Maggiore affidabilità
  2. Elevate prestazioni
  3. Riduzione dei costi

Il server distribuisce la potenza di calcolo di questa scheda grafica a più dispositivi con risorse hardware limitate, detti “Thin client”, che acquisiscono queste prestazioni e permettono agli impiegati e progettisti di poter svolgere il proprio lavoro ottimizzando le performance dei software di progettazione come Autocad, Inventor, ma anche SolidWorks e Catia.

Nvidia Tesla - architettura

Specifiche tecniche della Nvidia Tesla P40

Riportiamo le specifiche tecniche della Tesla p40:

Utilizzo Ottimizzazione delle performance grafiche
Architettura Nvidia Pascal
Memoria 24 GB GDDR5
Numero Massimo di Utenti per Scheda 24 (1GB per ogni utente) 12 (2GB per ogni utente)
Numero di Cores Nvidia CUDA 3840 (2048 per GPU)
Consumo massimo 250 W
Criteri di raffreddamento Passivo
Fattore Forma PCIe 3.0 Dual Slot (server rack)

Stando alle specifiche tecniche e ai test effettuati in Azienda e presso i nostri Clienti, una singola GPU Nvidia Tesla p40 è in grado di supportare fino a 24 utenti.

Questo numero varia a seconda delle tipologie di mansioni effettuate dai dipendenti, quindi ipotizzando di dedicare 2 GB di memoria grafica a ciascun utente, il numero massimo è effettivamente di 12 progettisti.

Questo lavoro di pianificazione è lasciato agli amministratori di rete, che sapranno scegliere il modello adatto di scheda grafica a seconda del tipo di necessità degli impiegati e degli utenti.

Vantaggi nell’uso di una scheda Nvidia Tesla

Il vantaggio di queste GPU, rispetto ad altre alternative firmate AMD e Intel, è sicuramente la gestione della potenza grafica, grazie alla qualità del software Nvidia Grid vGPU, che permette di ottimizzare l’accelerazione grafica, riducendo i tempi di elaborazione.

Riduzione dei tempi significa ottenere una riduzione dei costi di gestione, sicuramente inferiori rispetto alla perdita economica di un eventuale down time dell’infrastruttura: pari a 150.000 $ all’anno per l’azienda (Harris, 2011).

Oltre a questo si aggiunge l’aumento della sicurezza dei dati e quindi della produttività dell’azienda.
La sicurezza dei dati è il vantaggio principale che teniamo a sottolineare ai nostri Clienti, perchè la perdita delle informazioni provoca danni enormi che può intaccare addirittura il fatturato annuo.

Grazie alla nostra soluzione di virtualizzazione delle workstation grafiche con GPU Nvida, siamo in grado di far ottenere al Cliente finale questi benefici.

Investire sulla qualità dei processi produttivi significa essere più competitivi sul Mercato, ma…

Quanto costa essere competitivi?

Una delle prime domande che vi starete facendo nella valutazione di questa soluzione è: “Ok ma qual è il prezzo di un Nvidia Tesla”? Il costo di questa soluzione VDI (Virtual Desktop Infrastructure) dipende dal tipo di esigenze del Cliente: a maggiori esigenze si otterranno maggiori prestazioni e il costo finale incrementerà, ma verrà ammortizzato in 1,5/2 anni, così come riportato nello schema seguente.

Nvidia Tesla - ammortizzamentoCosti

In altre parole, siamo in grado di ottimizzare il lavoro del Cliente.

Le Aziende scelgono Beantech come partner sulla Virtualizzazione

Le schede grafiche Nvidia Tesla sono state utilizzate nelle nostre soluzioni e presentate ai Clienti, che hanno accettato di utilizzarle per via dei diversi vantaggi, sia economici che legati alla sicurezza dei dati.

Queste soluzioni sono state proposte quando Nvidia Tesla K2 era la GPU di punta per Nvidia, e i risultati ottenuti sono stati ottimi.

Possiamo dedurre che oggi Nvida Tesla è sicuramente la scelta adatta per chi vuole ottenere risultati concreti.

Alcuni dei nostri clienti che hanno adottato Nvidia Tesla sono ad esempio:

  • L’Università di Padova
  • INglass S.P.A.
  • HiRef S.P.A.
  • STI engineering S.R.L.

Ciascun Cliente aveva, ovviamente, esigenze diverse a seconda del software che intendeva utilizzare, quindi abbiamo potuto testare la potenza grafica dell’infrastruttura virtualizzata direttamente nei nostri laboratori POC (Proof Of Concept) assieme ai loro progettisti.

Risultato del test?
Passato!

I nostri Clienti sono soddisfatti e confermano i benefici e i vantaggi spiegati in precedenza, continuando a lavorare con i propri software preferiti.

Di seguito viene riportato uno schema di tutti i software attualmente testati e perfettamente funzionanti con le schede Nvidia Tesla:


Autodesk
Autocad 2013/14/15/16/17

Inventor 13/14/16/17

Revit 13/14/15/16/17

3D studio max 2015

PTC Creo 2.0 e 3.0

Creo Elements Direct Modeling 19

Siemens NX 8.5 e 9.0

Solid Edge St7 St8

Dessault System SolidWorks 2013/14/15/16/17

Catia

BrisCad

La lista è in continuo aggiornamento

Gli ambiti di utilizzo di questa GPU sono molteplici, dalla progettazione al disegno tecnico, dall’educazione alla modellazione 3D, mettendo quindi il cliente in una posizione favorevole e permettendogli di gestire al meglio la potenza di Nvidia Tesla.

La parola all’esperto, Adam Strizzolo: Cloud Virtualization Product Manager di beanTech

  • Il Cliente chiede
    Quali sono i vantaggi delle GPU Nvidia Tesla?

    L’Esperto risponde
    I vantaggi sono diversi.
    Primo dei quali è il contenimento dei consumi da parte del cliente.
    Vantaggio che porta all’ottimizzazione dei costi di gestione dell’infrastruttura virtualizzata, se paragonata con l’inconveniente infrastruttura fisica.
    L’infrastruttura virtualizzata include in sé il vantaggio della scalabilità e della manutenzione in tempi davvero minimi.
  • Il Cliente chiede
    Perché beanTech ha scelto Nvidia per la gestione del comparto grafico, invece di altri competitor come AMD o Intel?

    L’Esperto risponde
    Abbiamo scelto Nvidia perché da anni studia e si occupa di questa tecnologia ed è sicuramente la migliore non solo dal punto di vista hardware, ma anche dal punto di vista del software: ossia Nvidia Grid vGPU.
    Inoltre, il driver delle GPU Nvidia Quadro, che ora è il medesimo anche per le schede enterprise, è sempre aggiornato e supportato.
    Abbiamo scelto Nvidia per questi motivi tecnici, ma anche per un motivo di supporto: siamo infatti partner Nvidia e per noi è sinonimo di affidabilità, che poi si riflette nel Cliente che sceglie le nostre soluzioni VDI.
  • Il Cliente chiede
    Dopo quanti anni si dovrà pensare di cambiare scheda grafica?

    L’Esperto risponde
    L’ammortizzamento dei costi avviene entro 1.5/2 anni.
    Il tempo di affidabilità delle GPU dipende dalle prestazioni che il cliente richiede, ma per rispondere alla domanda posso affermare che entro 5 anni queste schede dovranno essere cambiate per restare al passo con le nuove versioni dei software che i nostri Clienti utilizzano.

Questo però non significa che bisognerà reinvestire completamente nell’acquisto di nuovi server!

beantech

beantech

beanTech Srl è un’azienda con decennale esperienza nel settore dell’ICT, specializzata nell’integrazione di soluzioni informatiche (System Integration) e nell’attività di ricerca connessa allo sviluppo software (Laboratorio di Ricerca riconosciuto dal MIUR, Ministero per l’Istruzione, Università e Ricerca).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *